salta la barra


Comune di Prato

 indietro

Eventi e appuntamenti ai Cantieri Culturali: Teatro e spettacoli

On stage teatro: Ultimo giorno


Foto dallo spettacolo Ultimo GiornoSemidramma co(s)mico per due attori e una radiolina

Di: Riccardo Goretti
Con: Andrea Anastasio e Tommaso Carovani
Regia: Massimo Bonechi

"...Si metta qui alla finestra. Ha mai veduto un universo più lugubre, più deprimente, più inutile? Guardi che mulinelli fa giù in strada la nebbia gialla, guardi come ondeggia pigra lungo le fosche facciate delle case. Che cosa potrebbe esserci di più disperatamente prosaico e banale? A che serve avere delle doti, caro dottore, quando manca il mezzo e il modo di esercitarle? Il delitto è banale, l'esistenza è banale, e soltanto le qualità banali hanno una qualche funzione sulla terra."Sir Arthur Conan Doyle - 'Il segno dei quattro'

"Il testo di Ultimo Giorno ha rappresentato per me una sfida interessante, poiché Massimo (il regista, che conosco bene per la nostra precedente fruttuosa collaborazione su Gobbo a Mattoni) mi ha fatto una richiesta estremamente specifica: un testo per due personaggi che vivono i loro ultimi minuti insieme prima della fine del mondo. Di fronte a questo tema, interessante ma sicuramente già affrontato da autori ben più blasonati di me/noi in letteratura, a teatro e anche (e forse soprattutto) al cinema (basti pensare allo straordinario Von Trier di Melancholia), mi sono chiesto, come credo avrebbero fatto tutti, che cosa avrei fatto IO nelle mie ultime ore prima del grande botto. Non ho trovato risposta. Ed è stata quella la risposta. Per citare lo straordinario Simon Amstell: "when there's nothing left to do, you do nothing". Così ho utilizzato l'evento straordinario per esaltare il banale del quotidiano. La minaccia del non vivere più per raccontare la noia del vivere. L'impossibilità per la semplicità. Fidandomi molto (come sempre) dell'ironia e (come quasi mai) della regia di Massimo e della sua scelta degli attori."
Riccardo Goretti

"Da sempre il tema della fine del mondo mi appassiona e mi ossessiona: e se domani improvvisamente venissi a sapere che entro poche ore non ci sarà più nulla? Tutto finito, tutto spazzato via. Un vero dramma per uno come me che vive il passaggio del tempo in maniera distorta: non so lasciarlo andare, non riesco ad stabilirci un accordo, so solo lottarci, combatterci e inseguirlo senza sosta. A volte però invece che l'idea che tutto stia per finire potrebbe rivelarsi una grande occasione, una straordinaria opportunità, unica e irripetibile (ovviamente!) per dare senso a tutto: stabilire priorità e mettere in fila le cose in cui abbiamo creduto per tutta la vita. Oppure no? Di fronte a questa mia incertezza mi sono fermato e ho chiesto a Riccardo di scrivere un testo su questo argomento. La risposta è stata che non ci sono risposte, non c'è soluzione e che il solo cercarla è inutile: conta solo quello che siamo, conta solo il momento in cui siamo, ha valore solo il presente. Perché il passato è importante ma un po' ci fa paura, un po' non ci interessa e comunque e non ci insegna più niente; il futuro è oscuro, imprevedibile e...beh se finisce tutto che ce ne facciamo del futuro.Rimangono solamente due uomini. In attesa della fine."
Massimo Bonechi
www.officinagiovani.it


Dove

Officina Giovani - Cantieri Culturali Ex Macelli - Piazza dei Macelli, 4 - Prato

Quando

mercoledž 16 maggio 2018
21.30

Prezzo

ingresso gratuito
L'evento faceva parte della rassegnai Officina Giovani - primavera 2018

Informazioni sul luogo dell'evento

Indirizzo: Piazza dei Macelli, 4 - Prato
Telefono luogo: 0574 1836753 Fax: 0574 1836779
Note sul luogo:
Orari di apertura al pubblico:
Ufficio:
dal lunedì al giovedì dalle 15.00 alle 19.00.
Spazi: dal lunedì al venerdì dalle ore 15.00 alle ore 24.00
Sito web: http://portalegiovani.prato.it/cantiericulturali E-mail: staff@officinagiovani.it

Invia le tue segnalazioni alla Redazione Web del Portale giovani scrivendo a eventi@portalegiovani.prato.it
 indietro  inizio pagina